Vai al contenuto

La dichiarazione di ospitalità per cittadini extracomunitari

    dichiarazione di ospitalità

    Questo modello serve a documentare l’ospitalità che possiamo dare ad un cittadino straniero o apolide che può venire nel nostro Paese per motivi di:

    • lavoro, studio, turismo, in visita se la presenza in Italia dura meno di tre mesi;
    • in attesa del permesso di soggiorno o del suo rinnovo se la durata della permanenza è superiore a tre mesi.

    Compilare il modulo di ospitalità e informare le istituzioni nazionali serve a dimostrare la domiciliazione del cittadino extracomunitario sul territorio nazionale, indipendentemente dall’esistenza o meno di un legame di parentela con l’ospitato.

    Come funziona la dichiarazione di ospitalità

    La dichiarazione di ospitalità deve essere presentata sia per gli stranieri che sono in Italia per un soggiorno inferiore ai 3 mesi sia per quelli che hanno intenzione di vivere stabilmente nel nostro Paese e sono in attesa della regolarizzazione dei documenti.

    Il modulo di ospitalità deve essere compilato dal cittadino legalmente residente in Italia che ospita il cittadino straniero nella propria abitazione o gli cede un diritto di godimento per un bene immobile di sua proprietà.

    L’invio del modulo alle autorità di pubblica sicurezza deve essere fatta anche se l’ospite si ferma in Italia anche solo per un giorno, altrimenti si rischiano sanzioni che possono partire da 160 euro ed arrivare fino a 1.100 euro. 

    Il documento di ospitalità può essere rinnovato nel caso in cui la permanenza del cittadino straniero si prolunghi rispetto a quanto dichiarato nel modello precedentemente presentato.

    Per i Bed and Breakfast, o in generale le strutture alberghiere, la presenza di un cittadino extracomunitario nella propria struttura deve essere dichiarata all’interno di una piattaforma online messa a disposizione dalla Polizia di Stato.

    modulo di ospitalità

    La dichiarazione di ospitalità è un documento che dimostra la presenza di un cittadino extracomunitario all’interno della propria abitazione.

    Come presentare la dichiarazione di ospitalità

    La dichiarazione di ospitalità deve essere presentata da chi dà alloggio nella propria casa del cittadino extracomunitario, anche se si è in locazione, 2 giorni prima dal suo arrivo in Italia e può essere fatta anche dall’inquilino o dal conduttore, qualora sia lui ad ospitare o cedere il godimento del bene immobile.

    Caf e Patronato ti aiuta a compilare il modulo di ospitalità al quale bisogna allegare una copia:

    • di un documento di identità di chi ospita il cittadino straniero nella propria dimora;
    • di un documento di identità dello straniero ospitato;
    • dei documenti che dimostrano la proprietà o il diritto di godimento dell’immobile nel quale si ospita il cittadino extracomunitario.

    Prima di presentare la dichiarazione di ospitalità in Questura, il documento deve essere convalidato in Commissariato, dalla Polizia Municipale, nel proprio Comune o al Centro per l’Impiego se l’immobile in cui è ospitato il cittadino straniero è del suo datore di lavoro.

    Dopo questo passaggio, il modulo di ospitalità deve essere presentato nell’Ufficio Immigrazione della Questura per la richiesta di permesso di soggiorno tramite PEC, raccomandata A/R o allo sportello dell’ufficio stesso. 

    Invece, le strutture alberghiere devono rivolgersi alla Questura per accedere alla piattaforma “AllogiatiWeb”, ottenendo le credenziali necessarie per entrare al suo interno attraverso la presentazione:

    • di un copia di un documento di identità dell’albergo, b&b e airbnb che ospita il cittadino extracomunitario;
    • la Segnalazione certificata di inizio attività della propria struttura.

    Accedendo la piattaforma, il titolare della struttura ricettiva può registrare la presenza al suo interno del cittadino extracomunitario, inserendo solo il passaporto dell’ospitato se il suo soggiorno nel nostro Paese ha una durata al di sotto dei tre mesi.

    La dichiarazione di ospitalità per le strutture alberghiere e ricettive deve essere fatta un giorno prima dall’arrivo del cittadino straniero mentre se egli rimane per meno di un giorno ospite al loro interno, la comunicazione deve avvenire entro le sei ore seguenti al suo arrivo.

    eMail